In evidenza

I 4 libri più recenti di questa categoria vengono mostrati in primo piano.


La penna e la cetra sono gli emblemi di un agone poetico sospeso tra arte e fede che percorre come un filo rosso cento anni cruciali per la storia della cristianità occidentale e per la letteratura italiana del Rinascimento. Le vicende dei volgarizzamenti biblici e della censura ecclesiastica tra Riforma […]

La penna interprete della cetra


Realizzato grazie alla stretta collaborazione di diversi autori, il volume offre una nuova edizione commentata delle Satire di Ludovico Ariosto. Testo capitale del Rinascimento italiano, avviate nel 1517, all’indomani del primo Furioso, le Satire rappresentano uno straordinario esperimento di ripresa della tradizione classica, anzitutto di Orazio, e insieme di intreccio di quelle memorie con il […]

Satire


La novellistica costituisce, come ha scritto Luigi Baldacci, la «punta di diamante» della narrativa di Federigo Tozzi. Se è così, Giovani – unica raccolta approvata e licenziata dall’autore, ancorché postuma – ne rappresenta senz’altro il nucleo qualitativamente più significativo. I 21 racconti scelti allora dall’autore vengono qui riproposti in edizione […]

Giovani



Dal 21 giugno al 31 luglio del 1526, Francesco Guicciardini, luogotenente generale del pontefice, è impegnato nella preparazione del conflitto che oppone il papa, il re di Francia e non pochi stati italiani all’imperatore Carlo V. Sono i primi tempi di una guerra giudicata inizialmente «facile e sicura», che risulterà […]

Le lettere


Gregorio d’Arezzo, frate, medico e fisico (XIV sec. in.–1365 ca.), epigono del suo illustre concittadino Guittone, è poeta che vanta una produzione meritevole di attenzione nel panorama, pure ad oggi ancora in buona parte da esplorare, dei rimatori minori del Trecento. Questo volume presenta la prima edizione critica dell’intero corpus […]

Rime


Il volume riunisce quattro scritti mariniani: Il Prologo al “Pastor Fido” di Battista Guarini (1599 ca.), la Lettera di Rodomonte a Doralice (1607), il Discorso accademico recitato nell’Accademia napoletana degli Oziosi (postumo, 1626) e gli Argomenti all’Erocallia di Giovan Battista Manso (postumo, 1628). Sono opere che documentano fasi distinte della produzione […]

Scritti vari



Elsa Morante (1912-1985) è ancora oggi considerata tra le scrittrici più importanti del secondo dopoguerra. Il volume analizza le carte manoscritte del suo romanzo La Storia (1974) attraverso gli strumenti della filologia d’autore. I manoscritti forniscono infatti preziose indicazioni di lettura grazie agli appunti e alle note che l’autrice deposita […]

Il poeta e la grazia


“Onestade” designa in italiano antico un criterio etico ed estetico che stabilisce il giusto equilibrio tra il bello e l’utile. La nozione risale a Cicerone, che con honestum traduceva il to kalón greco e lo intendeva come l’insieme delle virtù cardinali e come il fine della vita morale, il “bello […]

Il tramonto dell’onestade


Accademico della Crusca, apprezzato filologo, insegnante di filosofia e matematica nelle scuole leopoldine, il sacerdote Luigi Fiacchi (1754-1825), che preferì denominarsi grecamente Clasio, è ricordato soprattutto per le sue Favole, nelle quali ai nobili animali della tradizione esopica si uniscono quelli ben più umili della campagna toscana (con le galline, […]

Favole e sonetti



La fabula dello Stato rustico del genovese Giovan Vincenzo Imperiale (edizioni: 1607, 1611, 1613) è elementare: narra il viaggio del pastore Clizio e della Musa Euterpe – nella funzione di discepolo e di guida – lungo un itinerario reale e fantastico insieme, che ha come termini estremi Genova ed Elicona, attraverso un’Italia non sempre […]

Lo stato rustico, I